Progetto: “Sussidio multimediale a supporto dell’attività di prevenzione e diagnosi precoce del tumore alla mammella” – DVD “Tumori al seno: cosa sapere cosa fare”

Premessa metodologica e obiettivi del Progetto
Dalla letteratura concernente le iniziative finalizzate in genere alla prevenzione in ambito sanitario, si concorda che gli strumenti multimediali, se correttamente utilizzati, possono risultare efficaci per il perseguimento di molteplici obiettivi educativi.
Essi infatti contribuiscono:
– ad aumentare la coscienza della propria salute;
– ad informare ed approfondire più adeguatamente le tematiche della salute;
– ad aumentare le conoscenze e le capacità decisionali al fine di modificare i comportamenti e a provocare cambiamenti sociali.
Un primo obiettivo, pertanto, del progetto è stato la produzione di uno strumento multimediale nel quale sono contenuti dei messaggi scientificamente corretti, ma positivi, costruiti secondo le indicazioni, i canoni e gli stili della “comunicazione pubblica” in ambito sanitario, atti ad offrire da un verso stimoli di riflessione su un problema percepito come non rilevante almeno in età giovanile, e a generare, dall’altro, nella donna maggiore attenzione e controllo al proprio corpo, verificando la comparsa di modificazioni sospette.
Il progetto è destinato a tutta la popolazione femminile delle diverse età a partire da circa 18 anni.

Contenuti
Passiamo ora alla descrizione dei contenuti del sussidio e della loro articolazione.
Prima parte: I fattori di rischio e gli stili di vita
– Presentazione del tema.
– Rapporto tra i vari fattori di rischio e la possibile comparsa del tumore al seno.
– Gli stili di vita “sani” possibili nel nostro ambiente sociale, culturale, ecc..
Parte seconda: Indicazioni per la prevenzione e la diagnosi precoce. La tecnica dell’autopalpazione.
L’osservazione regolare del proprio seno è un ottimo strumento di prevenzione del cancro. Per questo motivo si consiglia di eseguire periodicamente l’autopalpazione, un’abitudine semplice ma utile; autopalpazione che permette alla donna di conoscere l’anatomia delle proprie mammelle e quindi di individuare tempestivamente gli eventuali noduli duri o di consistenza diversa dal tessuto circostante. Infatti la conoscenza delle proprie mammelle (che si presentano spesso nodose e con aree di diversa consistenza) è molto importante nella diagnosi precoce.
L’autoesame non è però sufficiente ai fini della diagnosi precoce, ma la sua pratica permette alle donne di evitare paure inutili quando si riscontrano tumefazioni che rientrano nella norma. Difatti quasi tutte le diversità che una donna può notare sono benigne e, pertanto, deve riferirle al proprio medico senza ansia, lasciando a lui il compito di risolvere il problema. Avere cura del proprio corpo in modo semplice e naturale, senza ritualizzare eccessivamente il momento dell’autoesame, può così diventare un gesto abituale in grado di ridurre l’ansia e la paura.

Nel contesto di questo progetto è stato realizzato anche un secondo sussidio, sulla ginnastica riabilitativa, dopo un intervento di tumore al seno. L’ANDOS ha reso disponibile un istruttore Isef ed una nostra volontaria che hanno riprodotto gli esercizi necessari alla riabilitazione, esercizi che possono essere tranquillamente svolti presso le proprie pareti domestiche. Le riprese sono state effettuate nella palestra del Centro Diurno di Lonigo, grazie anche alla disponibilità del dott. Boschetto Sindaco del luogo.

Diffusione
Il prodotto realizzato su supporti come DVD, CD o Videocassetta è stato diffuso nelle Scuole, in particolare nelle Scuole Superiori, nelle Biblioteche del territorio, negli ambulatori ospedalieri, nelle sale di attesa, nei reparti di ostetricia e ginecologia, nei centri di senologia.
Per chi desiderasse entrare in possesso dei suddetti supporti può rivolgersi presso il nostro ufficio Andos chiamando il seguente numero: 0444 708119.

Progetto realizzato nel 2005.